Scopri le spiaggie piu belle di Cuba

Cuba

Cuba un ventaglio di colori, musica e cultura
SCEGLI L’HOTEL A CUBA E INIZIA AD ORGANIZZARE LA TUA VACANZA
Dagli spruzzi d’acqua salata che bagnano il Malecon quando il vento solleva furiosamente le onde dell’Atlantico agli intonaci delle facciate verde e rosa pastello di Camaguey.

Dai vicoli tortuosi che si inseguono e si intrecciano tra gli edifici coloniali di Trinidad all’incessante rullio dei tamburi che produce note proibite, quelle della rumba.
Dalle Chevrolet, le immancabili coloratissime auto d’epoca parcheggiate agli angoli dei palazzi dell’Habana Vieja alle terrazze fiorite di Santa Clara. Dai romantici e ricurvi lampioni in stile liberty che si accendono al tramonto e si spengono puntualmente al sorgere del sole alle anziane signore che ancor oggi fumano con orgoglio il proprio sigaro e sorseggiano con disinvoltura ron cubano. Dai bambini che incontrerai ovunque, per le sue strade, nelle sue piazze, sui sagrati di chiese e cattedrali, semplicemente felici, sorridenti e chiassosi, che imparano a ballare la salsa quasi ancor prima di imparare a camminare ai rinomati piatti di comida criolla spesso accompagnata dal tradizionale Mojito, così diverso dalle blande imitazioni europee.
Dalle sorgenti di acqua fresca avvolte dalla fitta e rigogliosa vegetazione caraibica da ricercare pazientemente nel suo entroterra alle sue coste, infinite, paradisiache, lambite da un mare cristallino, trasparente, tiepido, sulle quali si affacciano e si confondono isole ed isolette, un arcipelago fatto da oltre 4000 cayos.

Ed infine, ma non per importanza, incontrerai e ti perderai in chiacchiere con la sua gente, un popolo colto, cordiale, disponibile, allegro, generoso, fiero e conservatore. Bienvenido a Cuba, quali altri motivi ti servono per venire qui?

I principali aeroporti sono L’Avana (HAV), Santiago de Cuba (SCU), Varadero (VRA), Cayo Coco (CCC), Cayo Largo (CYO).
Dall’Italia circa 14 ore via Madrid oppure Amsterdam / Parigi / Francoforte.
Dal Canada: circa 3 ore e mezza da Toronto e da Montréal con voli diretti per Avana e Varadero. Voli diretti su L'Avana anche da Panama City circa 2 ore 45’, da Mexico City circa 3 ore, e da Cancun circa 1 ora e 20 minuti.
I voli domestici sono quotidiani (ma solo 1 / 2 volte al giorno) fra L'Avana e Cayo Largo (40 minuti), Cayo Coco (1 ora e 20’), Santiago de Cuba (circa 2 ore). Fra L'Avana e Varadero non ci sono collegamenti aerei.
Perché scegliere una vacanza A Cayo Largo
Poco distante dalla costa meridionale di Cuba emergono dalle acque nitide e calde del Mar dei Caraibi 26 chilometri di sabbie bianche, soffici, scintillanti.

E’ Cayo Largo, un’isola, per meglio dire un cayo, famoso in tutto il mondo per la bellezza delle sue spiagge, per l’incanto del mare che le lambisce.

Per gli amanti del dolce far nulla Cayo Largo ti riserva quiete e relax, ma per chi desidera invece un pizzico di sabor latino la notte lo sorprenderà con la sua musica al ritmo dei più famosi balli caraibici.

Playa Sirena e Playa Paraiso, baciate dalla fortuna perché sempre protette dalle onde e dal vento, rappresentano due stupefacenti piscine naturali, dal fondale chiaro di sabbia bianca, il cui mare riproduce incredibili sfumature che vanno da un timido celeste, ad un intenso turchese.

E se amate il diving o anche solo nuotare con pinne, maschera e boccaglio, colonie di coralli, tartarughe marine, spugne coloratissime ed incredibili pesci tropicali vi aspettano, diligentemente, in questo scenario paradisiaco!

I Nostri Viaggi

Viaggi a Cuba
Viaggi Viaggi a Cuba
Alla scoperta dell’isola di Cuba

Viaggi di nozze

Notizie Utili
VISTO D’INGRESSO PER CUBA Per l’ingresso a Cuba è necessario il visto in originale, che dovrà essere conservato per tutta la durata del soggiorno. Il visto può essere acquistato tramite il Tour Operator oppure si può richiedere direttamente ai consolati cubani in Italia. Ha una validità di 30 giorni rinnovabile fino a 60 giorni. Si ricorda a coloro che sono in possesso di doppia cittadinanza cubana/ italiana, che dovranno viaggiare anche con il passaporto italiano, in caso contrario le autorità cubane non permetteranno l’uscita dal Paese. Inoltre, tutti i viaggiatori, stranieri e cubani residenti all’estero, al momento dell’ingresso nel Paese devono obbligatoriamente essere in possesso di una polizza assicurativa per la copertura delle spese mediche in corso di viaggio.

FRA GLI USA E CUBA Al momento della stampa di questo opuscolo, non è consentito recarsi dagli Stati Uniti d’America a Cuba (e viceversa). È consentito avere sul passaporto timbri e visti di entrambi i Paesi. Per recarsi a Cuba bisogna utilizzare voli diretti dall’Europa oppure dal Canada oppure dal Messico o da altri Paesi centro e sudamericani.

PRECAUZIONI SANITARIE E ASSICURAZIONE Non è richiesta alcuna vaccinazione. In caso di arrivo (o transito) da Paesi centro/ sudamericani raccomandiamo di informarsi in merito alle normative sanitarie in vigore. L’unica precauzione è quella di portare pomate ad alta protezione per l’esposizione al sole e repellenti per zanzare. E’ anche consigliabile bere acqua minerale in bottiglia. A Cuba non è facile reperire medicinali di uso comune; si consiglia quindi di portare con sé analgesici, antibiotici e assorbenti femminili. La struttura sanitaria cubana è ben organizzata per ogni evenienza ma le prestazioni sanitarie sono sempre a pagamento. I turisti che necessitino di cure mediche possono essere assistiti solo nelle “Cliniche Internazionali del Turista”, pagando cifre spesso considerevoli e non si può lasciare il Paese se non si saldano le spese per le cure ricevute. È quindi opportuno dotarsi di una buona copertura assicurativa.

VALUTA Cuba applica un doppio sistema monetario: per i cittadini cubani il CUP (peso non convertibile, non destinato agli stranieri e di cui è meglio starne alla larga) e per i turisti il CUC (peso cubano convertibile) che viene forzosamente equiparato al dollaro americano e all’Euro. Non è però consentita la circolazione di dollari statunitensi (USD) che possono essere cambiati solo in banche e uffici cambio autorizzati, ma a prezzo di un cambio molto svantaggioso. Si consiglia pertanto di portare EURO in banconote di piccolo taglio (5, 10, 20, 50 euro) e di cambiare di volta in volta piccole somme di denaro. Le carte di credito sono accettate senza difficoltà ad esclusione delle carte di credito americane American Express e Diners.

TELEFONO E INTERNET A Cuba a rete cellulare è buona nelle maggiori città e nelle località turistiche ma i costi del roaming internazionale sono molto alti. Consigliamo di verificare con il proprio operatore italiano (TIM, Vodafone, Wind-3) il miglior piano tariffario per l’utilizzo del cellulare e per la navigazione internet. Quasi tutti gli alberghi cubani concedono gratuitamente l’accesso Wi-Fi ma per la navigazione bisogna munirsi di carte prepagate in vendita un po’ ovunque al costo di 1 CUC = 1 ora di navigazione.

DOCUMENTI
In linea generale per tutti i Paesi trattati in questo opuscolo il passaporto italiano deve essere valido almeno 6 mesi oltre la data di soggiorno all’estero. Se il viaggio prevede il transito o la fermata negli Stati Uniti d’America o in Canada è necessario munirsi di autorizzazione elettronica al viaggio (ESTA / eTA). Anche i minori (da 0 anni in poi) devono essere in possesso di passaporto. Il genitore deve essere in possesso dello stato di famiglia comprovante l’affidamento del minore. I passaporti con iscrizioni di figli minori restano validi per il solo titolare fino alla scadenza. Segnaliamo che dal 4 Giugno 2014 per i minori di 14 anni che viaggiano fuori dal paese di residenza NON accompagnati dai genitori o da chi ne fa le veci abitualmente, sono entrate in vigore nuove norme che prevedono l’obbligo di una dichiarazione di accompagnamento da presentare in questura. Per maggiori dettagli consultare il sito www.poliziadistato. it (alla voce “passaporto per minori”). I cittadini extracomunitari o comunque con passaporto straniero devono contattare il proprio Consolato o l’Ambasciata per le indicazioni relative ai documenti necessari. Nessun rimborso spetterà a chi non potesse iniziare o proseguire il viaggio per irregolarità dei documenti personali o per inadempienza alle procedure sopra citate.

AUTORIZZAZIONI USA (“ESTA”) E CANADA (“e-TA”)
La richiesta di autorizzazione all’ingresso/transito negli Stati Uniti d’America va effettuata via web sul sito https://esta.cbp.dhs.gov L’autorizzazione ESTA costa $14 a persona pagabili solo on-line tramite carta di credito. L’autorizzazione ESTA ha una validità di 2 anni dal momento dell’approvazione e rimane valida anche per viaggi successivi e per ingressi multipli negli USA nell’ambito di un singolo viaggio. Per chi ha effettuato viaggi in Iran, Iraq, Sudan o Siria negli ultimi 5 anni è necessario ottenere il Visto di ingresso per gli USA. Per il Canada con le stesse modalità la richiesta costa 7 dollari canadesi a persona e va effettuata sul sito www.canada.ca/eTA

VACCINAZIONI
Per tutti i Paesi trattati in questo opuscolo non è richiesta alcuna vaccinazione. In caso di arrivo (o transito) da Paesi centro/ sudamericani raccomandiamo di informarsi in merito alle normative sanitarie in vigore.

FUSI ORARI
Le isole di Anguilla, Antigua, Aruba, Barbados, Rep. Dominicana, Grenada, Isole Vergini, St. Barth, St. Lucia e St. Maarten sono iscritte nella fascia UTC-4 (Atlantic Standard Time) ovvero 5 ore in meno rispetto all’Italia (6 ore in meno durante il periodo dell’ora legale). Bahamas, Cuba, Giamaica e Turks & Caicos + Yucatàn, Chiapas, Flores e Tikal sono in fascia UTC-5 (Eastern Standard Time) ovvero 6 ore in meno rispetto all’Italia (Bahamas, Giamaica, Flores e Tikal passano a meno 7 ore quando in Italia è in vigore l’ora legale). Città del Messico e Città del Guatemala sono in fascia UTC-6 (Central Standard Time) ovvero 7 ore in meno rispetto all’Italia (Guatemala City passa a meno 8 ore quando in Italia è in vigore l’ora legale).

CLIMA
I Caraibi e i Paesi che si affacciano sul Golfo del Messico condividono un clima tipicamente tropicale (la linea del Topico del Cancro sfiora l’Avana) caratterizzato da un periodo invernale secco da novembre ad aprile ed un periodo estivo più e con occasionali brevi acquazzoni talvolta di forte intensità. Le temperature rimangono miti tutto l’anno e comprese tra i 25° C e i 35° C. Quasi tutte le isole sono piacevolmente ventilate dagli Alisei. Con qualche eccezione: al Nord, negli arcipelagi di Bahamas e Turks & Caicos, si registra una escursione termica più marcata (le temperature serali / notturne scendono occasionalmente fino ai 15° C); al Sud, l’isola di Aruba gode di un clima particolarmente secco e caldo tutto l’anno con temperature che oscillano fra i 28° C notturni e i 35° diurni, sempre mitigati da costanti brezze oceaniche. Nella penisola messicana dello Yucatàn il clima ha le stesse caratteristiche delle isole ma se ci si sposta nell’interno viene meno l’effetto mitigante degli Alisei e le temperature e l’umidità aumentano considerevolmente. Gli altopiani del Chiapas e del Guatemala durante l’estate sono particolarmente umidi mentre Sull’altopiano di Città del Messico durante la stagione invernale da Novembre ad Aprile clima secco con giornate fresche e notti fredde, talvolta molto fredde. Stagione umida e ventilata da Giugno a Ottobre con temperature costanti tra i 22° notturni e i 30° diurni. Il clima è sempre piacevolmente ventilato con temperature costanti tutto l’anno tra i 22° notturni e i 30° diurni. Tutta la regione caraibica si trova stagionalmente soggetta al transito di eventi ciclonici e uragani, in genere nel periodo che va da Giugno a Novembre; il periodo considerato più a rischio sono i mesi di Ottobre e Novembre. Per informazioni corrette e aggiornate sulla situazione meteorologica delle zone caraibiche si consiglia di visitare il sito web del National Oceanic Atmospheric Administration (NOAA) di Miami: www.nhc.noaa.gov

C’ERA UNA VOLTA IL MAR DEI SARGASSI
Lo si studiava a scuola: il Mar dei Sargassi è il luogo di migrazione e riproduzione delle anguille, situato nell’Atlantico occidentale, in una vasta area situata fra le Grandi Antille, le Azzorre e le coste orientali del Sudamerica. Il Sargasso (“Sargassum”) è un’alga nastriforme che riveste un importante ruolo nel mantenimento della biodiversità degli ecosistemi marini nel Golfo del Messico. Tartarughe, gamberi, granchi e una moltitudine di specie marine si avvantaggiano delle fronde del Sargasso da cui traggono protezione e nutrimento. Negli ultimi anni è stata registrata una crescita anomala del Sargasso che trasportato dai moti ondosi raggiunge le coste causando seri problemi alle località che vivono di turismo balneare. Secondo una recente ricerca della rivista Science, l’anomala proliferazione è causata dai fertilizzanti per agricoltura impiegati in Africa e Sudamerica che, una volta disciolti nell’acqua dei fiumi, raggiungono l’Oceano. I fertilizzanti agricoli finiscono così per nutrire il Sargasso che cresce a dismisura. La bonifica delle spiagge su una scala così grande implica investimenti e spese di svariati milioni di euro. Il governo del Messico, che si trova in prima linea ad affrontare questo problema, ha stanziato e iniziato già dall’estate 2019 un programma multimilionario di salvaguardia del suo patrimonio di spiagge che consiste nel creare una cintura di protezione delle coste della Riviera Maya, lunga svariati chilometri e ancorata oltre 800 metri al largo, che viene di continuo ripulita con speciali “trattori del mare” appositamente progettati per questo impiego. Non è la soluzione del problema ma la balneazione è salva. La presenza di alghe sulle spiagge caraibiche (non solo del Messico) rimane un fenomeno naturale e stagionale, da giugno a settembre, e non prevedibile in quanto le alghe sono trasportate dai moti ondosi e dalle correnti marine e possono comparire e scomparire nel giro di pochi giorni.

LINGUA
Inglese e spagnolo sono le lingue ufficiali e comunque più diffuse in tutti i Caraibi. Fanno eccezione le Antille francofone (Guadalupa, Martinica, St. Barthélemy e St. Martin) dove è preponderante il francese e le Antille olandesi (Aruba, Bonaire, Curacao, St. Maarten dove si parla l’inglese e l’olandese (nelle Antille A-B-C è molto diffuso il “papiamento”, un simpatico dialetto creolo). L’italiano è compreso e talvolta parlato a Cuba, in Repubblica Dominicana e in Messico.

CAMERE
La maggior parte degli alberghi assegna le camere non prima delle ore 15.00 con rilascio entro le ore 10.00 del giorno della partenza. Le camere definite dagli albergatori come tipologie “standard” o “ROH”/“run of house” o “double” possono essere dotate di un solo letto “king size” (matrimoniale) oppure di due letti “queen size” (una piazza e mezza); per questo tipo di camere (che sono in genere le più economiche) non è possibile preassegnare il numero dei letti; per averne garanzia occorre prenotare tipologie superiori che specificano il numero di letti in dotazione alla camera. Con il termine “twin” si indica invece la dotazione di due letti singoli. Le camere “triple” (intese con tre letti) non esistono! Con il Family Plan si potranno alloggiare fino a 3/4 adulti nella stessa camera, ma il numero dei letti rimarrà invariato. Si potrà richiedere in loco, a pagamento, un “rollaway bed” (una brandina pieghevole) sempre che le dimensioni della camera lo consentano e salvo disponibilità. Molti alberghi assegnano le camere solo ai maggiori di 21 anni.

URBAN FEES/ RESORT FEES E TASSE DI SOGGIORNO
Si segnala un crescente numero di alberghi e resort che addebitano in loco, sul conto della camera, un importo variabile fra i 20 e i 45 dollari giornalieri sotto la voce “Urban Fee” o “Resort Fee” a copertura di servizi reputati accessori alla vendita della camera (ad esempio l’accesso ad aree riservate quali piscina, palestra, l’utilizzo di lettini e teli mare, l’accesso a internet, telefonate locali, ecc.). L’albergatore si riserva il diritto di applicare questo addebito anche in caso di non interesse e di non utilizzo di tali servizi accessori da parte del Cliente.

VOLTAGGIO
Negli Stati Uniti ed in Canada la tensione elettrica è di 110/120 V con frequenza 60Hz. In Messico 110/135, nei Caraibi 110/220 a seconda delle isole. La quasi totalità dei moderni apparecchi funziona anche a queste tensioni. In caso contrario necessiterete di un convertitore e, comunque, di un adattatore lamellare per la presa elettrica.

VALUTA E CARTE DI CREDITO
Eastern Caribbean Dollar, Bahamian Dollar, Barbadian Dollar… ogni isola nazione ha il suo dollaro locale, ma se non siete numismatici o collezionisti difficilmente ne entrerete in contatto. Il dollaro americano viene accettato ovunque (eccetto a Cuba), in Messico circola il Peso messicano e in Rep. Dominicana il Peso Dominicano. L’Euro può essere facilmente scambiato in valuta locale a Cuba, in Rep. Dominicana in Messico e nelle Antille franco/olandesi. Le carte prepagate e le carte di debito non gestiscono il credito e pertanto non sono accettate per noleggi e depositi e garanzie; possono essere utilizzate per prelievi di denaro contante presso gli ATM (Automatic Teller Machine). Le carte di credito con i numeri in rilievo, sono accettate ovunque (condizioni particolari per Cuba, vedi nota dedicata). Requisito necessario per il viaggio è il possesso di una o più carte di credito, che vengono regolarmente richieste al check-in negli alberghi e per il noleggio delle autovetture come garanzia.

NOTE IMPORTANTI
a) Le informazioni relative al clima sono del tutto indicative e basate sulle medie degli anni passati. In tutto il mondo si assiste ad una trasformazione climatica che impedisce di dare informazioni precise.
b) I pasti inclusi nei programmi sono previsti in ristoranti locali che potrebbero risultare talvolta non conformi ai normali standard europei.
c) Viaggi di nozze: si richiede il certificato di matrimonio, da inviare all’atto della prenotazione e da consegnare all’arrivo in albergo per l’ottenimento degli omaggi e delle quote scontate.
d) I tour organizzati in pullman sono garantiti con un minimo di due persone e prevedono un numero massimo di 50/55 partecipanti.